Diario: cosa abbiamo fatto


2018


venerdì 10 agosto 2018 ore 19.45 - Festa di San Lorenzo 2018

all'interno del cortile dell'oratorio

 

In collaborazione con: 

  • Associazione Nazionale Alpini Sezione San Lorenzo Ivrea
  • Avis Ivrea
  • Associazione Diavoli Aranceri
  • Associazione Il Ponte

 

MENU'

aperitivo

affettati con melone

insalata di pollo

lasagne

arista con verdure di stagione

macedonia

acqua-vino

 

euro 13.00

 

Il ricavato è destinato alla parrocchia per le sue opere di carità e assistenza

 

PRENOTAZIONI ENTRO MERCOLEDI' 8 AGOSTO:

Gaetano Bonfissuto: 347.2362838

Gianni Trovati: 340.3329984

Marco Pozzo: 333.5376006

Ferdinando Giannini: 338.9160401

Bruno Prinsi: 340.5841093

 

Le celebrazioni proseguiranno domenica 12 agosto con la Santa Messa alle ore 10.30

 



9 luglio '18: Grazie all'appello lanciato da alcuni parrocchiani, è stato acquistato il nuovo frigo per Casa Crotta. Grazie a tutti coloro che lo hanno reso possibile.


2 luglio '18: Urgenza Casa Rifugio Crotta - raccolta fondi per nuovo frigorifero

Purtroppo il frigorifero della casa, già usato e donato da una parrocchiana, è da sostituire.

Si è quindi organizzata una raccolta fondi, a cui ognuno può partecipare secondo le proprie possibilità.

 

Per la raccolta potete fare riferimento a:

Don Arnaldo, Rosanna Tos, Gloria Ponzetto, Gianni Trovati, Raffaele Bottone e a Andrea Maccarrone.

Oppure effettuare un bonifico sul conto corrente della parrocchiaIBAN IT47P0503430541000000006009 e indicare come causale "Frigorifero Casa Crotta".

 

Spargete la voce, grazie infinite per l'attenzione.


Don Arnaldo da San Lorenzo a Borgofranco

Da "Il Risveglio popolare" di giovedì 28 giugno 2018

 

IVREA - In risposta alla rinuncia a Parroco di San Lorenzo in Ivrea, presentata al compimento dei 75 anni, come il Codice di Diritto Canonico indica, il Vescovo monsignor Edoardo Cerrato ha espresso a monsignor Arnaldo Bigio la sua grande stima e il desiderio che egli possa continuare a servire la diocesi, oltre che negli ambiti in cui è impegnato, anche nel ministero parrocchiale. Gli ha proposto perciò di accettare la Parrocchia di Borgofranco a cui ha rinunciato don Leo Bovis per perduranti motivi di salute. 

Con la generosità che tutti conoscono, don Arnaldo ha detto di si. Nelle prossime settimane si definiranno i tempi dell'inizio del nuovo mandato.



sabato 2 giugno 2018 ore 21.00 - "Voci a colori" con il Piccolo Coro e il Coro                                                        di San Lorenzo

(presso il teatro dell'oratorio di San Lorenzo)

 

diretti da Elisa Ruzzafante e Piera Campajola



2017


novembre '17 - Il nuovo progetto della Casa Rifugio "Maria Antonietta Crotta"

A lato è possibile scaricare il pieghevole sul Progetto Casa Rifugio.

Potete trovare le notizie relative all'apposita pagina Casa Rifugio Crotta

Download
pieghevole Casa Crotta.pdf
Documento Adobe Acrobat 4.9 MB


31 luglio '17 - Casa Rifugio Maria Antonietta Crotta e la nuova commissione "Nuovi stili di vita"

La Parrocchia è entrata in possesso, per lascito testamentario della Signora Maria Antonietta Crotta, deceduta il 31 Luglio del 2016, di un alloggio a pochi passi dalla parrocchia.

L’Assemblea del Consiglio Pastorale Parrocchiale del 13 Giugno 2017 ha deliberato di destinare questo bene a persone in estrema difficoltà.

 

Qui a lato il documento che testimonia la nascita della nuova commissione "Nuovi stili di vita", che si affiancherà alla parrocchia nella gestione della Casa Rifugio, e le modalità per versare un contributo libero a favore del fondo permanente a sostegno delle spese di manutenzione e consumo.

Download
CR M.A.Crotta 31 7 17.pdf
Documento Adobe Acrobat 224.2 KB


appello de L'Albero della Speranza sull'emergenza dei richiedenti asilo

Sarà argomento del prossimo Consiglio Pastorale Parrocchiale che si terrà martedì 13 giugno 2017 alle ore 21.00 presso il salone dell'oratorio

Download
Lettera AdS maggio 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 439.8 KB


messa di domenica 12 marzo 2017 animata dai ragazzi del catechismo di quinta elementare

Trasfigurazione di Gesù sul monte dell'ascolto

In questa seconda domenica del cammino di Quaresima, noi ragazzi, insieme alle catechiste, abbiamo voluto fare l'esperienza di capire come anche l'arte ha rappresentato la "Trasfigurazione" di Gesù.

 

Il dipinto che abbiamo riprodotto sul cartellone, e che vi proponiamo, è stato dipinto dalla pittrice Elaine Penrice e ad un primo sguardo appare colorato,  ma vuoto e muto.

 

Non vi è niente e nessun personaggio del Vangelo di Matteo.

Nessun riferimento alla terra, neanche simboli come la roccia, la natura, l'altitudine.

 

Invece a guardare bene ci sono. Eccome!

 

Partiamo dall'immagine alla base: troviamo un piano nero che potrebbe essere per il noi il "male" delle Tentazioni, ascoltate nel Vangelo di domenica scorsa.

Salendo, troviamo il monte Tabor che viene rappresentato come un libro, la Bibbia, e là dentro ci sono tutti, c'è Mosè con la Torah, c'è Elia il profeta, gli apostoli, la buona Novella.

 

Certo è difficile salire la montagna, così come è difficile per noi essere sempre fedeli alla Parola di Dio, però ne vale la pena perché lassù svetta una candela bianca, panciuta, grande e luminosa: è Gesù che, vestito di luce riflette come il sole la bellezza del Padre suo. E tutti possono vedere che è figlio di Dio e credere alla voce, filtrata dalla nube, che annuncia: ASCOLTATELO.

 

La candela bianca brilla davanti agli occhi dei discepoli e li avvolge di luce. Lo capiamo dal velo luminoso che copre il monte/Bibbia, che prima da arido si copre, poi, di uno strato brillante.

 

Così come l'aria che diventa un ciclone di sole intorno alla fiamma.

E più avanza la luce e più riesce ad avvolgere il buio delle tenebre, illumina e cambia la vita di noi credenti.

E anche se in questa immagine noi non ci siamo, sappiamo, però che il messaggio è proprio per noi. 

 

Certo, non è sempre facile parlare apertamente di Gesù, ma sempre, con coraggio, con il sorriso, la volontà possiamo rivelarlo alle persone vicine a noi : gli amici, la famiglia, la Parrocchia. La nostra comunità.